Sacchetti di tessuto, come utilizzarli nel settore alimentare?

Siamo nel 2021, e questo significa che abbiamo bisogno di puntare più che mai al futuro e al sostegno del nostro pianeta. La scelta di un packaging sostenibile come i sacchetti di tessuto nel settore alimentare è vincente perché consente di sposare la filosofia green, che ormai è un perno centrale per molti consumatori.

Negli ultimi anni abbiamo notato un netto cambiamento nel comportamento di acquisto. Sì, il design del packaging è tutt’oggi un aspetto essenziale, ma non è più il solo: c’è il desiderio di fare delle scelte ponderate, di evitare di inquinare il pianeta. E sappiamo molto bene quanto la plastica sia in uso nel settore alimentare: va contrastata optando per scelte più green.

Cosa sono i sacchetti di tessuto: i materiali più diffusi

Per chi ha un’attività nel settore food, è bene sapere che i sacchetti di tessuto vengono realizzati con materiale ecologico e naturale, come la canapa, la juta e il cotone. Non mancano ovviamente delle tipologie di tessuto più prestigiose, ed è il caso del velluto e del raso. Sarebbero perfetti per confezionare bottiglie e liquori costosi.

Il sacchetto di tessuto si presenta in modo molto semplice, ma soprattutto facile da usare. Il packaging risulta robusto, ed è inoltre molto connesso alla tradizione contadina. Perché, ammettiamolo, la plastica non solo è inquinante, ma non ha un design altrettanto accattivante.

Gli usi nel settore alimentare

Come si possono impiegare i sacchetti per il settore alimentare? Abbiamo in realtà una vastissima scelta, soprattutto se consideriamo che possiamo sfruttarli per i salumi, i formaggi, ma anche per le bottiglie di vino, di birra o di liquore. In ogni caso, non mancano i prodotti da forno, che vengono confezionati in modo impeccabile e che hanno un appeal irresistibile per la clientela.

Nel complesso, ovviamente, dobbiamo considerare un vantaggio incredibile, ovvero il fatto che siano piuttosto robusti. Significa dare la possibilità al cliente di usare e riutilizzare più volte il sacchetto di tessuto in questione. E non è poco, perché è uno dei principi della strategia di marketing: dare al cliente l’occasione di sfoggiare il tuo sacchetto.

Vantaggi dei sacchetti di tessuto

Perché non utilizzare i sacchetti di plastica ma preferire un tessuto come il cotone? La risposta è semplice: negli ultimi anni gli scienziati e i ricercatori hanno posto l’allarme: l’inquinamento è giunto al suo massimo. I dati poi sono preoccupanti, perché solo l’1% dei sacchetti di plastica viene effettivamente riciclato. Senza contare che ci vogliono almeno 1000 anni prima che possa degradarsi. Un lasso di tempo lunghissimo, in cui continuerà a inquinare il nostro pianeta.

I sacchetti di tessuto non sono solo chic perché consentono un packaging esteticamente impeccabile, ma c’è da dire che possono essere personalizzati con colori, frasi, loghi di un’azienda. Dunque, diventano anche il mezzo di marketing adatto per esprimere i valori aziendali.

Come personalizzare un sacchetto di tessuto?

Su un sacchetto di tessuto possiamo stampare il nome del brand, oltre che la città in cui si trova l’azienda. Ovviamente, in base alle festività, abbiamo la possibilità di aggiungere un tocco speciale. Prendiamo come esempio il Natale: offrire alla clientela dei cesti regalo con sacchetti in tessuto si rivela la strategia vincente

Infine, l’ultimo fattore da valutare è la grande economicità del sacchetto di tessuto. Non hanno un costo in alcun modo proibitivo e sono anzi perfetti anche per le PMI o per le startup.